SECONDARIA‎ > ‎Bacheca attività‎ > ‎

Potenziamento lingue straniere: lingua inglese

pubblicato 11 nov 2015, 01:14 da Flavio Ubertino   [ aggiornato in data 11 nov 2015, 02:17 ]

“Chi non conosce le lingue straniere non conosce nulla della propria.”  (Johann Wolfgang von Goethe)

L’inglese è forse  la lingua straniera più insegnata al mondo. L’Italia purtroppo non brilla per la conoscenza di tale lingua  e si trova fra gli ultimi paesi nella classifica redatta dal Centro di Statistica Europea.

La conoscenza delle lingue ha un alto valore come arricchimento del proprio bagaglio culturale. I giovani d’oggi dovrebbero essere stimolati allo studio delle lingue straniere, perché esse rappresentano un valore aggiunto nello studio, nel mondo del lavoro, nella società. Studiare una lingua straniera aiuta a conoscere altre culture e crescere culturalmente; imparare a parlare la lingua inglese  migliora le prospettive occupazionali.

Purtroppo all'interno dell’ambiente  scolastico lo studio dell’inglese è vissuto da molti come un obbligo, una forzatura, e gli alunni spesso si sentono poco motivati. I metodi tradizionali di apprendimento infatti non sempre facilitano l’acquisizione della lingua straniera; sarebbe  fondamentale invece riuscire a stimolare nello studente un interesse reale e motivato, in un clima rilassato e di socializzazione, mediante la riproduzione di  situazioni comunicative che rispecchino quelle della vita quotidiana.

Qui al Berna per l’apprendimento della lingua inglese si usa il metodo di insegnamento comunicativo:  invece di focalizzare l’attenzione sull’insegnamento delle strutture grammaticali e delle frasi modello, si preferisce attribuire maggior importanza all’utilizzo pratico, realistico  e “divertente” della lingua. “Enfatizzare la capacità di comunicare il messaggio in base al suo significato, invece che concentrarsi sulla perfezione grammaticale.”

Il metodo di insegnamento comunicativo delle lingue si distingue da quelle  tradizionali per molti aspetti:

·         la comprensione avviene attraverso l’interazione attiva degli studenti nella lingua straniera;

·         l’insegnamento si concretizza tramite l’uso costante della lingua inglese;

·         gli studenti non solo imparano la seconda lingua ma apprendono anche strategie per la comprensione in contesti non prevedibili né  controllabili;

·         viene attribuita importanza alle situazioni e alle esperienze personali degli studenti, considerate un prezioso contributo al contenuto delle lezioni;

·         l’utilizzo della nuova lingua in contesti improvvisati crea competenze di apprendimento al di fuori della classe.

Il docente è nato e cresciuto in paesi anglosassoni, completando gli studi all’Università di Guelph, Ontario in Canada e all'Università degli Studi Ca' Foscari, Venezia. Il modello d’inglese che viene usato in classe è quello dello Standard Canadian English.  L'inglese canadese è apprezzato in tutto il mondo per la sua chiarezza.

La presenza di un docente titolare madrelingua offre quindi diverse opportunità formative e motivazionali per lo studente nell'apprendimento della lingua straniera: in particolare favorisce negli alunni  lo sviluppo delle abilità di comprensione e produzione orale, mettendoli in contatto con un insegnante in possesso dei requisiti fonologici e di dizione della lingua madre,  nonché  portatore della cultura e civiltà dei Paesi di cui insegna la lingua.

Il docente madrelingua terrà le lezioni interamente in lingua straniera,  adatterà i propri interventi al livello delle classi in cui si troverà a far lezione . Seguirà  le Linee Guida e il quadro di riferimento europeo per le lingue (QCER).  Il metodo d’insegnamento adottato sarà, come detto, quello comunicativo-funzionale: un metodo che  prevede lo sviluppo di una concreta competenza comunicativa, intesa come capacità di utilizzare operativamente la lingua in maniera libera e personale, sia pure ad un livello adatto all'età e alle capacità degli studenti, per fare fronte ad esigenze di comprensione e produzione specifiche per le diverse situazioni di comunicazione.

Di grande attualità sono le lezioni d’altre discipline in lingua straniera, in compresenza con i diversi docenti. Tale immersione linguistica  è  una modalità didattica innovativa che facilita l'apprendimento sia della seconda  lingua che  di altri contenuti: scienze, geografia, arte..  Gli studenti  vengono  "immersi" nella lingua straniera seguendo una programmazione precisa ed attenta ai contenuti della disciplina ospitante.

Si stanno valutando e preparando inoltre diverse proposte didattiche a sostegno delle lezioni curricolari:

Corso conversazione in lingua inglese

Il corso di conversazione è destinato  agli  studenti di livello avanzato che vogliono consolidare maggiormente le proprie conoscenze dell’inglese e sviluppare sicurezza nella conversazione.  Grazie a questo corso potranno migliorare la capacità di ascoltare, comprendere e quindi interagire con maggior scioltezza (fluency) in lingua inglese.

Corso potenziamento lingua inglese

Il corso è ideato per chi possiede già le basi apprese in classe ma desidera migliorare e potenziare la lingua. Vengono proposte delle attività per potenziare le capacità di espressione (speaking and writing) e comprensione (listening and reading). Per andare incontro alle specifiche esigenze degli studenti in un contesto divertente,  questa attività offre la possibilità di intraprendere un percorso volto al consolidamento delle conoscenze richieste in classe. Il corso segue passo passo il programma curricolare,  migliorando la conoscenza della grammatica,  aumentando il vocabolario e dando la possibilità di rendere sempre più corretta la pronuncia,  promuovendo quindi maggior sicurezza e fiducia nello studente.  

“Quante lingue può imparare un bambino? Tante quante avrai il tempo di insegnargli dedicandogli del tempo.”

il docente

Flavio Ubertino

-------------------------------------------------

Qualifiche professionali

l Venticinque anni di esperienza come insegnante.

l Abilitazione all'insegnamento di Lingua straniera: inglese, nella secondaria di I grado (A345).

l Madre lingua inglese.

 

ISTRUZIONE E FORMAZIONE

l Laurea in Lingue e letterature straniere. Università di Ca’ Foscari, Venezia.

   Tesi storico-letteraria sui Gesuiti e l’evangelizzazione nelle prime missioni  in Canada nel Seicento                                        

l Abilitazione all’insegnamento, classe di concorso A345,  per la scuola Secondaria di primo grado.

l Esperto (Lettore) di conversazione in lingua inglese.

*Nomina come insegnante di ruolo con cattedra nella scuola statale scuola secondaria di I grado nel 2005 ( rifiutata per restare all'Istituto Giovanni Paolo I di Venezia, scuola cattolica).

l University of Guelph, Ontario, Canada (undergraduate student)1979-80.

l Secondary School Honour Diploma ( Galt, Ontario, Canada) 1979.

l Secondary School Diploma ( Galt, Ontario, Canada) 1978.

l Elementary and secondary schools in Canada 1965-1979.

 

ESPERIENZA LAVORATIVA

2004-2014     Docente di Lingua straniera: inglese, presso l’Istituto Giovanni Paolo I, Venezia,

                     scuola secondaria paritaria di primo grado; lettorato al Liceo Classico

1996- 2004    Istituto Wall Street, Venezia. Insegnante di inglese, e Direttore Didattico nel 2000

1993-2004    Istituto Wall Street, Mestre. Insegnante di madrelingua inglese

1990-2004    Seminario Patriarcale di Venezia, docente di Lingua straniera: inglese, secondaria I grado

1990-1996    Centro Pedagogico Ugo Foscolo. Mestre. Docente inglese, formazione Assistenti di Comunità

 

PUBBLICAZIONI

l New Stories from Old Lands, Libreria Editrice Cafoscarina, 1990. Manuale per uso universitario

l Traduzioni: Curia di Venezia; Università di Ca Foscari; enti ed associazioni culturali.

 

 

ESPERIENZA LAVORATIVA DI RILIEVO: CORSI SVOLTI

 

2000-2003    “Progetto Lingua 2000”, Ministero della Pubblica Istruzione, all’Istituto Barbarigo;

              e corsi di potenziamento lingua inglese all’istituto Sarpi, Venezia

 

    Corsi di potenziamento lingua inglese per:

 

1993-2004      Regione Veneta, quadri superiori,

   Comune di Venezia, dipendenti

   Thetis, Venezia, quadri superiori

                       Regione Veneta, quadri superiori

2000              Banca d’Italia, Venezia, quadri superiori

2000-01        Comune di Venezia, quadri superiori

1998              Telecom, Enel, quadro manageriale

1997              Gruppo “ASTRA”, reparto di Nefrologia, Ospedale Civile, Mestre

1996-97        Gruppo “SAVE”, Assistenti di rampa, Aeroporto di Tessera, VE

1995             “Provveditorato agli studi di Venezia”, Ministero

                    della Pubblica Istruzione; formazione linguistica quadri superiori

1994             Corso Fondo Sociale Europeo (Comunicazioni Aziendali), “ECIPA”, Mestre

1993- 00      “Ente Bilaterale Territoriale per il Turismo”

1991‑ 93      “Istituto Veneto per il Lavoro”, Marghera

1991- 92     “Metaltecnica”, Marghera, quadri superiori

 

Comments